PAGLIACCI

1/13

VEDRETE AMAR SÌ COME SI AMANO GLI ESSERI UMANI

di Leo Muscato

C’è tanta passione nei PAGLIACCI, e una tonnellata d’amore. Tre uomini innamorati della stessa donna: l’amano incondizionatamente, con tutto l’egoismo di chi non sa ascoltare le ragioni dell’altro.
La loro ottusa cecità porterà all’inaccettabile morte della povera donna, uccisa in un raptus di assurda follia.
Tutti sconfitti, tutti infelici. Sembra non voler concedere via di scampo il libretto a tinte forti scritto da Leoncavallo. L’opera andò in scena nel 1892, ma l’autore ambientò la sua storia una trentina d’anni prima.
Per poter aderire il più possibile alla vicinanza temporale voluta dall’autore, la vicenda è stata traslata nel tempo, avvicinata ai giorni nostri. Sono stati eliminati tutti i riferimenti spazio temporali che potessero suggerire un mondo folcloristico e anche un po’ esotico legato a un’idea stereotipata del meridione. Anziché mostrare un ipotetico sud geografico, si è pensato di suggerire un concreto sud dell’anima.
Poiché i protagonisti erano attori girovaghi che si ispiravano ai comici della commedia dell’arte, si è scelto di raccontare l’universo che ruota attorno a una piccola e giovane compagnia teatrale che mette in scena “maschere” molto buffe, vicine allo spirito goliardico (e anche un po’ volgare) insito nella commedia dell’arte. Ma di questa compagine, doveva emergere soprattutto il privato, il “dietro le quinte”, non solo del loro spettacolo, ma soprattutto della loro vita. Di qui la necessità di uno scenografia che consentisse ai cantanti di eseguire azioni concrete ed evocare un mondo apparentemente realistico, ma in realtà molto astratto. Un luogo dentro cui far convivere spazi diversi che permettano allo spettatore di fruire contemporaneamente di più azioni sceniche, così da potersi costruire un proprio montaggio cinematografico della vicenda narrata.

TEATRO PONCHIELLI di CREMONA


PAGLIACCI
 di Ruggero Leoncavallo



direttore MATTEO BELTRAMI



regia LEO MUSCATO

scene ANTONIO PANZUTO
costumi MONICA IACUZZO
disegno luci ALESSANDRO VERAZZI

 

con
ESTHER ANDALORO, Nedda
MICKAEL SPADACINI, Canio
IVAN INVERARDI, Tonio
GIULIO PELLIGRA, Peppe
ENRICO M. MARABELLI, Silvio

assistente alla regiaVALENTINA ESCOBAR
movimenti coreografici SANDHYA NAGARAJA


CORO DEL CIRCUITO LIRICO LOMBARDO
diretto da Antonio Greco